Il figlio di Saul (2015) ***

Poema scritto con immagini in movimento, poema tragico sul corpo, per un corpo, raccontato da una macchina da presa incollata a Saul in un interminabile pedinamento, un vero corpo a corpo. Corpo ancora vivente tra quelli senza vita di Auschwitz.

Nella fabbrica della morte non c’è spazio per la speranza, tuttavia nel protagonista si fa strada un’iniziativa personale, un progetto. Mosso dalla volontà di ricerca dell’umano perduto, Saul si ostina a far fiorire un gesto di pietà, intimo, in mezzo al delirio della violenza, in mezzo alla morte. Se c’è ancora uno spazio minimo per un tentativo di misericordia, Saul lo porterà fino in fondo, tra mille rischi.

Film girato con camera a spalla, claustrofobico, quel che non concede agli occhi lo offre all’immaginazione. L’orrore è sfocato, rifiutato dagli occhi nonostante sia lì, presente. Quel che è a fuoco sono i viventi del sonderkommando, condannati a diventare cenere una volta terminato il loro servizio, e i loro aguzzini. Il reparto speciale di internati è obbligato a pulire i luoghi dello sterminio e a trattare i “pezzi”, ovvero i cadaveri che di lì a poco saranno arsi nei forni e sparsi nelle acque di un fiume.

Grande film, grande pugno nello stomaco, che diviene fluido nella fiumana continua di gente che scorre, stipata, in un imbuto che trova corrispondenza nel formato cinematografico che anch’esso restringe (4:3), una scatola senza via di scampi, in cui le vite di sconosciuti s’intrecciano per brevi istanti a quella di Saul.

Premiato quale miglior film straniero agli Oscar 2016.

copertina-il-figlio-di-saul.jpg

Annunci