Perfetti sconosciuti (2015) **

Metti una sera a una cena tra amici, durante un’eclissi di luna, i cellulari.

Esercizio di bella penna, con un buon cast all’altezza della prova.
Commedia di sceneggiatura, nonché di impianto teatrale, caratterizzata da buone battute, ambientata soprattutto attorno a un tavolo, in una sala da pranzo. Nonostante ciò la dimensione minimale è salvata da un buon senso del ritmo.
Si ride delle nostre nevrosi, di ultraquarantenni in crisi, risolti o meno, spaventati dalla vecchiaia, dalla solitudine, dalla paura di non essere più desiderabili.

Si ride in particolare per le doti istrioniche di Giallini, Leo e Mastandrea, con immancabile biascico romanesco per arrivare alla battuta. I personaggi femminili, invece, paiono abbozzati, stereotipati, prevedibili. Dato ricorrente nelle commedie nostrane.
Fuori luogo, in ogni senso, Battiston.
Colpo di scena. Nel complesso non male, se bisogna accontentarsi.

RGB tiff image by MetisIP