“Che bella giornata” (2011) ***

Opera seconda che vede protagonista Checco Zalone/Luca Medici, ormai eletto a maschera svincolata dalla verisimiglianza (dimenticate la precedente avventura: non c’è serialità, infatti).Tutte le convenzioni vengono rimestate, molestate, rimesse a un livello ‘basso’, destrutturate, rese innocue. Così come vengono bistrattati i simboli religiosi, il razzismo, il fondamentalismo, l’ignoranza, la fortuna, immigrazione, immigrati interni ed esteri, la distanza tra il Sud e il Nord d’Italia, tra Sud e Nord del Mediterraneo, su tutto questo l’eloquio maccheronico di Checco Zalone impera indisturbato livellando l’alto, il medio e l’infimo secondo le categorie e le convenzioni tradizionali.

La coppia Nunziante – Medici sembra potere tutto, smorzando sul nascere ogni minima polemica (comprese una parodia del papa e dell’arcivescovo di Milano) puntando sulla disarmante verosimiglianza del giovanotto pugliese a suo modo ambizioso, che definire superficiale è perfino riduttivo, che qualche dubbio, però, solleva riguardo il perbenismo, il buonismo, le pose, il politicamente corretto.
Da vedere.

“Che bella giornata” è diretto da Gennaro Nunziante.

14 marzo 2014

Annunci

Autore: Cinex

Recensioni per nulla obiettive: una risposta sbagliata ai Dizionari (stelline comprese) da un vecchio blog più volte caduto in oblio, ma mai abbastanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...