Senso (1954) **** 

Venezia 1866, vigilia della battaglia di Custoza. Durante una rappresentazione del verdiano Il Trovatore a La Fenice di Venezia scoppia una manifestazione patriottica e il conte Ussoni sfida a duello il tenente austriaco Franz Mahler. Per salvare il conte, la contessa Livia Serpieri, anch’essa fervente patriota, avvicina Mahler, ma finisce col diventarne l’amante. Tradita e umiliata quando lo coglie in flagrante con una prostituta, Livia si reca al comando austriaco di Verona e lo denuncia, facendolo così finire davanti al plotone d’esecuzione.

Senso_7 (1)

Tra i vertici della carriera viscontiana, il film segna uno spartiacque nella storia cinematografica italiana. Ha diviso i critici del tempo generando un importante dibattito imperniato sulla rappresentazione della Storia proposta da Visconti, che sublima e supera i principi del neorealismo in fase di disarmo. La scelta di villa Godi a Lonedo di Lugo Vicentino (che nella finzione rappresenta la villa di Aldeno, tra Trento e Rovereto) è probabilmente intesa quale citazione della civiltà veneta del Cinquecento, sede di una nobiltà umanista, e perciò idealista, della quale Livia è erede.

006-alida-valli-theredlist

Quando l’ambientazione si sposta da Venezia a Lugo seguendo il viaggio di Livia, un lento carrello svela dapprima la valle del tortuoso Astico, poi le basse quote che ne costringono il corso e infine ritrae lo scorcio prospettico della villa, posta su un’altura a dominare la nascente pianura vicentina. La visita notturna dell’ufficiale austriaco alla villa ne svela invece gli interni: gli affreschi dello Zelotti al lume di lampade a olio creano un continuo dialogo con i due personaggi. Mahler, mentre adula la contessa, dà le spalle a due figure dipinte a grandezza naturale che tendono a svelare l’identità ambigua dell’ufficiale: nell’affresco si vedono due paggi curiosi, forse inopportuni e perciò allertati, che fanno capolino dietro un drappo.

screen-shot-2015-08-12-at-12-07-21

Il concerto tra Palladio, le pitture parietali e la natura pedemontana della valle dell’Astico sono scenografia e il regista adatta visivamente il racconto di Boito a quei luoghi, realizzando una felice  strumentalizzazione degli stessi. Visconti rende labirintica la villa in un continuo passaggio dai giardini agli ambienti interni, svelati dal ridotto alone luminoso delle lucerne. La penombra costringe Livia a un percorso a vista, incerto e fremente. La contessa teme che nell’oscurità possa nascondersi qualcuno che la smascheri, sensazione che anticipa i futuri sviluppi della storia fra i due amanti e il senso dell’amore, visto nei suoi aspetti sommi o deleteri.

senso (1)
Venezia richiama il romanticismo, il bisogno di libertà, anche dei costumi, ma nella villa di Aldeno, tutto si raffredda nella formalità: il libertinaggio è bandito, il peccato  sopraggiunge, matura la morbosità. Tutto ciò viene sottolineato da una frase detta a denti stretti dalla contessa all’inaspettato ufficiale: “non siamo più a Venezia!”. Infine, la vicenda diviene tragedia cupa e sorda a Verona (non dimentichiamo cosa rappresentò Verona nei vicinissimi anni della Repubblica di Salò, con le sue fucilazioni eccellenti).

Visconti descrive visivamente sia l’anima del verismo letterario e l’eco neorealista, sia l’aspetto romantico decadente, citando i pittori ottocenteschi. Del veneziano irredento, risorgimentale e romantico Hayez viene rivisto il celeberrimo Bacio, che il regista ambienta nella villa e rallenta plasticamente prima della dissolvenza, reinterpretandone il senso risorgimentale della donna che saluta il “bandito”, e riadattandolo argutamente al soggetto, attraverso lo scambio con l’ufficiale austriaco.

senso (2)

Nelle ariose campagne vicentine, oltre all’onnipresente vento estivo (la battaglia si combatte il 24 giugno) che gonfia continuamente le tende della villa, rivivono in altrettanti tableaux-vivants le tele agresti dei macchiaioli e la vita dei campi verghiana. Al fronte, durante la battaglia, si materializzano le divise immortalate dal pennello veloce di Fattori.

L’illuminazione è naturale, poche volte si ha la sensazione che non lo sia. La luce nei campi con le ombre lunghe degli uomini, dei covoni, dell’artiglieria, rappresenta un approccio filologico di un rigoroso iconologo qual è Visconti, che regala al pubblico un’opera pittorica dipinta dal pastello del technicolor. Dal punto di vista politico Senso è un film antimilitarista, che racconta lo scempio della guerra che imbrutisce l’uomo, lo rende prone al disagio, alla vigliaccheria, al voler essere altrove e procurarsi la latitanza attraverso espedienti. Così avviene l’umiliazione totale cui si sottopongono i protagonisti, sia per vigliaccheria sia per amore, che si tramuta in possessione morbosa. Ecco che, evangelicamente, i duemila fiorini che Livia offre a Franz in cambio della sua renitenza riflettono un doppio tradimento. Il senso del “tutto” che svanisce, che sfuma, si perde come un urlo sordo, come gli spari di fucile tra i vicoli bui di una Verona percorsa dai militari austriaci festanti per una battaglia vinta, poco prima di perdere l’intera guerra.

Nella location vicentina, villa Godi-Malinverni (1537-1542) a Lonedo di Lugo Vicentino, la prima villa progettata da Andrea Palladio, le riprese sono state effettuate negli esterni (giardini, barchesse, stalle e portico colonnato) e, ampiamente, negli interni (piano nobile e granaio). S’intravede anche la vicina villa Piovene-Porto-Godi (1539 ca.), di attribuzione più incerta, ma inseribile nel più ampio contesto del palladianesimo. Durante la lavorazione del film a Lugo l’ufficio stampa della produzione ha avuto sede a Vicenza, in stradella San Marcello, dietro ai Filippini, e il girato veniva visto dal regista ogni notte presso il cinema Palladio, a porte chiuse.

 

Senso (Italia 1954)
Regia: Luchino Visconti. Produzione: Lux Film. Soggetto: dal racconto omonimo di Camillo Boito. Sceneggiatura: L. Visconti, Suso Cecchi D’Amico, Carlo Alianelli, Giorgio Bassani, Giorgio Prosperi. Fotografia: G.R. Aldo [Aldo Graziati], Robert Krasker, Giuseppe Rotunno. Scenografie: Ottavio Scotti. Musica: Arthur Bruckner, Sinfonia n. 7 in Mi maggiore. Montaggio: Mario Serandrei. Durata: 120’.
Interpreti: Alida Valli (contessa Livia Serpieri), Farley Granger (tenente Franz Mahler), Massimo Girotti (marchese Roberto Ussoni), Rina Morelli (governante Laura), Heinz Moog (conte Serpieri, marito di Livia), Marcella Mariani (la prostituta Clara), Christian Marquand (ufficiale boemo), Sergio Fantoni (Luca), Tino Bianchi (capitano Meucci), Ernst Nadherny (comandante della piazza di Verona), Tonio Selwart (colonnello Klist), Marianna Leibl (moglie del generale Hauptmann), Goliarda Sapienza (una patriota), Cristoforo de Hartungen (generale Hauptmann), Kim Franco Arcalli.

 [Scheda pubblicata in “Vicenza e il cinema”, a cura di A. Faccioli, Marsilio, Venezia 2008, pp. 240-242.]

00941605

 

***

Senso (1954)

Venezia 1866. Al teatro “Alla Fenice” il pubblico assiste all’opera risorgimentale “Il trovatore” di Giuseppe Verdi. Alla fine dell’atto dalla piccionaia piovono foglietti tricolori inneggianti al congiungimento del Veneto alla neonata nazione italiana. Gli occupanti austriaci stigmatizzano il gesto esiliando alcuni patrioti. Fra questi confinati c’è anche il marchese Ussoni, cugino della contessa Livia Serpieri. Ussoni nella medesima serata al teatro ha disfidato un giovane ufficiale autriaco, Franz Mahler. Temendo ritorsioni sul parente la nobildonna si rivolge all’offeso Mahler. Ma l’incauto avvicinamento sfocia in un imprevedibile innamoramento fra i due.

Il film è un piacere per gli occhi e molti sono i temi letterari che il regista affronta o sfiora. Visconti evoca, attraverso una ricostruzione filologica, ambienti e costumi, ma in questo film rasenta il manierismo pittorico citando i maestri ottocenteschi italiani. Comunque il tema principale è l’amore, il senso dell’amore, visto sotto gli aspetti più deleteri o sommi. La gratuità e il raggiro, la sventatezza e l’umiliazione, il disprezzo e la morte. La differenza d’età, tra la malmaritata contessa Serpieri, di fede patriottica, interpretata da una sfavillante Alida Valli, e il più giovane ufficiale austriaco, alla fine del percorso peserà come non mai e molto dolorosamente. Ai protagonisti però viene resa la responsabilità sui loro atti, omettendo tentazioni manichee, di bene e male, prediligendo le sfaccettature e la vita critica in guerra (che nel frattempo è scoppiata tra Italia e Austria), dando vita a due personaggi complessi e mai banali. Anche se l’epilogo è suggerito, dalla voce narrante della contessa. La suddivisione del film (tratto dall’omonima opera di Camillo Boito), rispecchiata dagli avvenimenti storici, ricalca anche tre modalità o stili diversi: Venezia richiama il romanticismo, la libertà, anche dei costumi; mentre quando la famiglia della contessa si sposta alle porte di Verona, nella villa di Aldeno, tutto si raffredda nella formalità, il libertinaggio è bandito, il peccato sopraggiunge, matura la morbosità, e questo è sottolineato da una frase detta a denti stretti dalla contessa, che accoglie in camera l’inaspettato ufficiale in incognito: “Non siamo più a Venezia!”; e diviene tragedia cupa e sorda a Verona, città già scelta per questo da Shakespeare (non dimentichiamo cosa rappresentò Verona nei vicinissimi anni di Salò, fucilazioni comprese). Simboli che Visconti accompagna descrivendo visivamente sia l’anima “verista”, e l’eco neorealista, sia l’aspetto romantico decadente; cita altrettanti pittori ottocenteschi: il veneziano irredento, risorgimentale e romantico, Hayez, con il celeberrimo “Bacio”, che qui Visconti rallenta plasticamente prima della dissolvenza, reinterpretandone il senso risorgimentale della donna che saluta il “bandito”, riadattandolo argutamente al soggetto, scambiandolo cioè con l’ufficiale austriaco. Mentre nelle ariose campagne veronesi, oltre all’onnipresente vento che gonfia le tende della villa, rivivono in altrettanti tableau-vivant le tele agresti dei macchiaioli, la vita dei campi verghiana; mentre al fronte, durante la battaglia di Custoza, si materializzano le divise immortalate dal pennello veloce di Fattori. La luce è naturale, poche volte si ha la sensazione che non lo sia, l’alone attorno alle lampade ad olio, la luce nei campi con le ombre lunghe degli uomini, dei covoni, dell’artiglieria, in questo anticipa il Kubrick di “Barry Lyndon” (1975) filologo anch’egli, nonché rigoroso iconologo. Qui reso però opera pittorica dal pastello del techincolor. Anche dal punto di vista politico ci sono affinità con Kubrick: “Senso” è un film antimilitarista, che racconta lo scempio di ogni guerra che imbrutisce l’uomo, lo rende prone al disagio, alla vigliaccheria, al voler essere altrove e procurarlo attraverso espedienti. Giustifica nella malattia bellica gli atteggiamenti rapaci che si ripropongono anche lontano dal fronte, da ciò nascono doppi fini per sfuggire alla carneficina. Così avviene l’umiliazione totale cui si sottopongono gli esseri umani, sia per vigliaccheria sia per amore che si tramuta in possessione morbosa. Ecco che, evangelicamente, 2000 fiorini rifletteranno un doppio tradimento, e il senso del “tutto” che svanisce, che sfuma si perde come un urlo sordo, o agli spari di fucile, tra i vicoli bui di una Verona percorsa dai militari austriaci festanti per una battaglia vinta, poco prima di perdere l’intera guerra.

Senso (Italia 1954) di Luchino Visconti – con Alida Valli, Farley Granger, Massimo Girotti, Heinz Moog

[recensione pubblicata sul blog, 15 maggio 2005]

1954 Senso (ita) 04

Annunci

Autore: Cinex

Recensioni per nulla obiettive: una risposta sbagliata ai Dizionari (stelline comprese) da un vecchio blog più volte caduto in oblio, ma mai abbastanza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...